Be my eyes

“Mami mami! Il tuo telefono fa un suono strano!”

“Prendilo che sto guidando, è in borsa”

“Ma che è? Non è una chiamata”

“Lo so io cos’è! Clicca lì!”

“Clicco dove?”

“Lì, sul pulsante più grosso, forza!”

“Pronto? Pronto?”

“Non quello piccola, l’altro! Presto!”

“Oh! Ha smesso di suonare. Vabbè, richiameranno”

Il mio cellulare è pieno di inutili applicazioni, dalle percentuali di apparizioni dell’autore boreale in Islanda al Geocaching, dalle ricette in vasocottura agli abiti usati che si barattano con quelli che mandi tu.

Qualche settimana fa ho scaricato Be my eyes, un’app che permette a un non vedente di chiedere aiuto, indicazioni sui colori e consigli a un vedente, in tempo reale.

Grazie alla piccola, forse qualcuno sta vagando senza sapere se è nel posto giusto o ha indossato pantaloni marroni a quadri con una maglietta verde a righe per un colloquio importante.

Chiunque lei sia, signore, ci perdoni.

Informazioni su BarbaraB.

Educatrice e mamma, preparatissima sulla teoria e un po' meno efficace nella pratica. Per tentativi ed errori vado avanti, con un carico di ironia come antidoto alle quotidiane fatiche educative.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...