Azzorre

È sempre notte fonda quando usciamo per andare all’aeroporto, come se dovessimo farlo di nascosto.

Come se servisse il favore delle tenebre per dileguarsi da impegni, lavoro, responsabilità, orari, richieste, necessità, incombenze, letti da rifare e cene da preparare.

Quest’anno si vola lontano, nell’ultimo avamposto europeo nell’oceano Atlantico, un po’ come l’ultimo autogrill in autostrada prima di un lungo percorso in macchina.

Qui si fermavano le navi che andavano e tornavano dall’America, qui si cacciavano le balene che arrivavano dal mar dei Caraibi, dirette verso la più fredda Islanda.

Qui ci sono i mulini a vento, i vulcani e distese di ortensie azzurre.

Qui nasce l’anticiclone, che porta il caldo a casa nostra d’estate.

Qui, alle Azzorre, comincia il nostro viaggio.

Informazioni su BarbaraB.

Educatrice e mamma, preparatissima sulla teoria e un po' meno efficace nella pratica. Per tentativi ed errori vado avanti, con un carico di ironia come antidoto alle quotidiane fatiche educative.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...