Strani amici

E poi ci sono quelli che ti chiedono l’amicizia su Facebook. Tu non li conosci, ma avete settantaquattro amici in comune e allora dai una sbirciata al profilo per capirne qualcosa in più. In quest’ultimo periodo il panorama delle richieste che giungono a me è il seguente:

⁃ uomini, virtuosi padri di famiglia, che alternano frasi di madre Teresa a condivisioni di bambini malati, tenere foto dei propri figli piccoli e immagini di avvenenti signorine poco vestite e in pose sinuose con la scritta “nel presepe non dimenticare la pecora”

⁃ uomini e donne la cui immagine di profilo è un tenero cucciolo e condividono SOLO fotografie di animali torturati, abbandonati, investiti o cucinati al ristorante giapponese. Ora, io anche amo molto gli animali, ma non credo li amerò di più scorrendo ogni mattino queste immagini truci;

⁃ persone che condividono solo bufale “avvistato clown romeno che ruba i bambini fuori da scuola”,” fate attenzione abitanti della via: c’è una fiesta grigia sospetta parcheggiata all’angolo da ben dieci minuti”, “la scienza lo ha finalmente dimostrato: chi ha un brutto carattere/è disordinato/è ritardatario cronico/picchia i bambini è più intelligente della media”;

⁃ signorine affascinanti, procaci e tendenzialmente poco coperte che sono -giustamente- orgogliose di sfoggiare le loro curve  con la collezione completa autunno/inverno di lingerie di pizzo, meglio se nera e con qualche borchia qua e là. Ma, forse per par condicio, è arrivata anche la richiesta del signor Priapo, del quale vi lascio immaginare la foto profilo.

Spesso invece sembrano persone tranquille e perbene, tra una foto che ritrae la festa per i novant’anni della nonna o i lavoretti di Natale fatti a mano dai figli all’asilo. Salvo scatenarsi cinque minuti dopo il tuo “conferma” con la gara del selfie più assurdo. Uomini sdraiati sulla spiaggia di Gatteo a Mare con i muscoli e la pancetta dolcemente lambiti dalle onde o attaccati agli scogli con lo slippino bianco come una modella sul calendario Pirelli. Il premio miglior foto, però, va indubbiamente al gentil signore che mi ha inviato l’istantanea del suo -credo- piede destro, in tutto il suo splendore. Forse cercava consigli per una perfetta pedicure, chissà.

Quindi, ora è da capire se la mia potente calamita di matti funzioni anche qui, in questo oceano virtuale, o se sia stata solo particolarmente sfortunata.

 

Informazioni su BarbaraB.

Educatrice e mamma, preparatissima sulla teoria e un po' meno efficace nella pratica. Per tentativi ed errori vado avanti, con un carico di ironia come antidoto alle quotidiane fatiche educative.
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...