Archivi del mese: febbraio 2016

Musica, maestro

“Mamma” “Pietà” “Cambia” I tre minorenni seduti sul sedile posteriore assomigliano sempre più di più a Qui, Quo Qua, nipoti di Paperino. Una parola a testa per formulare una frase. Che è una via di mezzo tra implorazione e lamento, … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Evoluzioni

In principio furono i Gormiti, piccoli blocchi di plastica variopinta a forma di mostri, alti come un puffo e mezzo, al prezzo stimato di un euro al centimetro. Giungevano gioiosi dall’isola di Gorm all’edicola di fronte alla scuola, divisi per … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Le cose che abbiamo in comune

Insieme non fanno nemmeno l’età per guidare il motorino. Sono alte uguali, entrambe con la coda di cavallo, la giacchetta colorata e le scarpe da ginnastica. Si guardano e scoppiano a ridere, come se ci fosse qualcosa di molto buffo … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Ordine sparso

Ho dei seri problemi con l’ordine. Forse non è un caso che questa parola indichi sia la giusta disposizione degli oggetti che una azione obbligata. A me non piacciono né una né l’altra. O meglio. Apprezzo e ammiro i cassetti, … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

In volo

“Mamma guarda, un aereo!!” “Uh? Si amore, va bene” “Mammaaa!! Stacca gli occhi da quel cellulare e guarda il cielo per favore. Ho detto che c’è un aereo!” “Si, ho capito. Un aereo. Ne abbiamo già visti altri, no?” “Ah, … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Aloha

“Mamma, ti ricordi che domani a scuola c’è la festa di carnevale e che io mi devo travestire, vero?” Dieci minuti più tardi le due sorelle e io eravamo in macchina. Destinazione Moreno, dove tutto costa meno, patria indiscussa dell’acquisto … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Pensieri e parole

“Ti vedo pensieroso, tutto bene?” “Sono pensieroso perché sto pensando, mamma” “Capisco. E posso chiederti qualcosa dei tuoi pensieri?” “Non capiresti” “Uh. Forse hai ragione. Fatevi buona compagnia tu e i tuoi pensieri, che io vado a prendere le tue … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

In treno

La grande borsa maculata è appoggiata un po’ storta sul sedile a fianco, accanto a un sacchetto di carta con sopra il nome di una pasticceria. Ne fuoriesce un profumo dolce e zuccheroso, di quelli che ti fa venire fame … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Dubbi di fede

“Mamma, cos’è una escort?” Gesù, Giuseppe, Maria. Perché dico io, perché devo sempre essere nei paraggi quando arrivano queste domande, quando i figli vengono colti da tali quesiti esistenziali? Di quali misfatti e crimini contro l’umanità mi sono macchiata nelle … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento

Fili colorati

Il sabato appena passato, per la prima volta dopo un tempo abbastanza lungo da essere significativo, ho scelto di dedicare l’intera giornata a qualcosa di bello che fosse solo per me, e non includesse nel conto i tre amati figlioli. … Continua a leggere

Pubblicato in Senza categoria | Lascia un commento